Programma
  • Martedì 5 Novembre 2019
  • 10:00 - 18:00
  • Memo
  • Sala Reclaim Expo Pad.C3
  • Paolo Ciavola Full Professor of Coastal Dynamics and Geomorphology in the Department of Physics and Earth Sciences of the University of Ferrara - Gruppo Nazionale per la Ricerca sull'Ambiente Costiero, GNRAC
  • Giovanni Randazzo Professor of Environmental Geology at the University of Messina - Gruppo Nazionale per la Ricerca sull'Ambiente Costiero, GNRAC
  • Roberto Montanari Official of the Emilia-Romagna Region, by the Directorate General for Territorial and Environmental Care – department of Soil and Coast Protection and Land Reclamation
  • Diego Paltrinieri
  • Stefano Boscolo Cucco Ingegnere Idraulico, Legale Rappresentante e Direttore Tecnico dell’Impresa La Dragaggi Srl

A cura di: Comitato Tecnico Scientifico Ecomondo, TNEC, ISPRA, GNRAC

Con il patrocinio del Consiglio Nazionale degli Ingegneri

* RICONOSCIUTI 3+3 CREDITI FORMATIVI PROFESSIONALI PER GLI INGEGNERI ISCRITTI ALL’ORDINE *

Con il patrocinio del Consiglio Nazionale dei Geologi

* RICONOSCIUTI 6 CREDITI FORMATIVI PROFESSIONALI PER I GEOLOGI ISCRITTI ALL’ORDINE *

Temi chiave: Governance e gestione sostenibile dei sedimenti; Osservatorio Coste; applicazione del DM 173/2016; difesa della costa; navigabilità porti e accessibilità passi marittimi; sedimenti come risorsa strategica; approcci e tecnologie innovative; interazioni con altri usi del mare e della costa; scenari climatici.

L’importanza della risorsa sedimenti per la difesa delle coste dall’erosione e dagli effetti del cambiamento climatico ha assunto sempre più negli ultimi anni un valore strategico in particolar modo per le aree costiere Mediterranee, fortemente vocate al turismo ma anche di assoluto valore ambientale e culturale e importante volano di crescita economica con ancora grandi potenzialità di sviluppo. La gestione delle risorse di sedimenti in questo contesto comporta la necessità di specifiche politiche di tutela e uso sostenibile delle fonti e delle riserve strategiche, così come indicato nelle raccomandazioni “Eurosion”, nelle policy della “Carta di Bologna“ e del suo Piano di Azione, e nelle indicazioni delle “Linee Guida nazionali sull’erosione costiera”.

La differente natura delle diverse fonti in gioco pone la necessità di individuare adeguati sistemi gestionali, regolamentativi e autorizzativi atti a favorire l’utilizzo sostenibile delle varie risorse in modo complementare e sinergico ai fini di una più efficace gestione e difesa costiera, in linea con i principi del Protocollo GIZC per il Mediterraneo.  

La Conferenza vuole presentare da un lato lo stato di avanzamento dei lavori relativamente alla risorsa sedimenti svolto nell’ambito del Tavolo Nazionale sull’Erosione Costiera, traguardano la costituzione di un Osservatorio coste, su stima delle risorse da diverse fonti, aspetti tecnici e nuove tecnologie per la loro gestione, aspetti ambientali e normativi. Dall’altro lato, vuole contribuire a fare il punto sulle problematiche, da parte dei soggetti pubblici e privati, in merito agli aspetti applicativi e possibili miglioramenti delle norme vigenti, DM 173/2016, in attuazione del Dlgs152/2006 art. 109, in funzione di azioni quanto più possibile efficaci di gestione e utilizzo delle diverse risorse ai fini dell’adattamento delle coste di gestione dei porti e dei corsi d’acqua, per una Crescita Blu. Un crescita sostenibile coniugata con gli obiettivi di sicurezza dei territori e di protezione dell’ambiente costiero.

 

Presidenti di sessione

Sessione 1 – Dr. Roberto Montanari (TNEC R. Emilia-Romagna);

Sessione 2 – Ing. Paolo Lupino (ex-TNEC Regione Lazio);

Sessione 3 – Prof. Leonardo Damiani (GNRAC-POLIBA)

Tavola Rotonda: Dr. Giuseppe Bortone (ARPAE)

 

Programma

10.00 Introduzione  

10:30 Saluti istituzionali

Invitati: Ministro all’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare -  Presidente ISPRA - Assessore alla Difesa del suolo e della Costa, Protezione civile e politiche ambientali e della montagna, Regione Emilia-Romagna, Sindaco del Comune di Rimini 

 

11:00 Sessione 1 - la risorsa sedimenti nel panorama nazionale:

Massimo Gabellini, Stefano Bataloni (ISPRA) - La gestione dei sedimenti marino-costieri nelle Linee Guida sull’erosione costiera del TNEC

Paolo Lupino (ex-TNEC Regione Lazio) - Quadro nazionale delle risorse di sedimenti da diverse fonti ai fini del ripascimento costiero 

D. Paganelli, P. LaValle, M. Targusi (ISPRA) - Aspetti ambientali relativi alle diverse fonti di sedimenti per il ripascimento dei litorali in erosione

A. Correggiari (CNR-ISMAR) et al. - Le risorse nazionali di sedimenti da depositi marini relitti  

P. Ciavola, C. Armaroli, E. Grottoli, S. Cilli (GNRAC-UNIFE-IUSS Pavia-ULSTER) - Le risorse sedimentarie alle foci fluviali dei fiumi Ravennati

E. Dinelli, S. Toller, I. Vasumini (UniBo-Bigea) - I sedimenti nei grandi invasi artificiali, casi studio in Emilia-Romagna

12:20 Sessione 2 – governance e aspetti normativi:
 

D. Pellegrini, C. Mugnai, F. Onorati (ISPRA) - Le indicazioni tecniche per le attività di ripascimento delle spiagge nell’allegato tecnico al DM 173/2016  

C. Albertazzi (RER), C.R. Ferrari (ARPAE) - II nuovo Osservatorio esperto, presso il Ministero dell’Ambiente, sull’applicazione del DM 173/2016

Francesco Messineo (Assoporti - Segretario Generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno centrale) - La gestione dei sedimenti nei porti, da problema ad opportunità?

Roberto Perocchio (Assomarinas) La problematica dei sedimenti dal punto di vista dei porti turistici

L. Nicoletti, P. Borrello, C. Silvestri (ISPRA) - Erosione costiera e Posidonia spiaggiata, aspetti normativi connessi alla loro gestione

Renata Archetti (GNRAC-UNIBO) – Il monitoraggio costiero: prima regola per la definizione di un corretto piano di gestione

13.30 Pausa

14:30 Sessione 3 – nuove soluzioni tecnologiche e buone pratiche di gestione:
 

Cesare Saccani, Marco Pellegrini (UniBo – DIN) - Tecnologie innovative ad eiettori per la gestione sostenibile di fondali costieri, bocche portuali e porti turistici

Stefano Cucco (La Dragaggi s.r.l.) - Esempi di gestione dei sedimenti litoranei nelle spiagge adriatiche

Diego Paltrinieri (Arenaria Srl) - Re-visione sistemica della idrodinamica costiera nell'ottica dell'utilizzo delle sabbie marine relitte

Randazzo G., Lanza S. (GNRAC-UNIME) – La strana storia delle sabbie migranti siciliane

Sergio Cappucci (ENEA) - Buone pratiche di utilizzo della Posidonia spiaggiata per la difesa dei litorali

15:30 Tavola rotonda - I sedimenti, da problematica a risorsa:
Nuove tecnologie / approcci gestionali / proposte di integrazioni normative / raccomandazioni tecniche di monitoraggio / per favorire l’utilizzo e la gestione ottimale dei sedimenti marini, litoranei e da altre fonti (depositi offshore, accumuli costieri, da aree portuali, vie d’acqua, foci fluviali, invasi artificiali, ecc.) ai fini della difesa e adattamento costiero al Cambiamento climatico:

 I) quali necessità, II) quali problematiche, III) quali possibili soluzioni o proposte migliorative.

 

Moderatore: Giuseppe Bortone, Direttore Generale ARPAE Emilia-Romagna

 

Partecipanti: Gabriele Lami, Autorità Portuale di Livorno; Roberto Perocchio, Assomarinas; Luigi Cipriani, TNEC Regione Toscana; Alessandro Bini, Genio Civile Regione Toscana; Fausto Battistel, Assessore Urbanistica e Lavori Pubblici Comune di Cattolica, Cesare Saccani, UniBo Dipartimento Ingegneria Industriale; Luciano Giuffrida, responsabile Demanio e Difesa costa del Comune di Riccione; Giovanni Paganelli, ARPAE Servizio Autorizzazioni e Concessioni di Rimini, Vadis Paesanti, Federcoopesca; Stefano Patrizi, Legacoop.

 

16.45 Discussione e chiusura