Programma
  • Giovedì 7 Novembre 2019
  • 14:30 - 17:30
  • Memo
  • Sala Noce Pad A6

A cura di: Comitato Tecnico Scientifico Ecomondo e FISE UNICIRCULAR, FISE Assoambiente, ATIA-ISWA Italia 

* Il pre-accredito consente, al termine della fiera, di ricevere gli Atti di Maggioli Editore, una raccolta delle relazioni pervenute per i nostri convegni  tramite Call for Papers. Il pre-accredito non garantisce il posto a sedere*                                    

Un aspetto che condiziona la sostenibilità economica delle attività di riciclo è legato al costo di gestione delle frazioni residuali, in particolare di quelle frazioni che sono impossibili da riciclare, o tecnicamente, o per legge (per l’imposizione di soglie restrittive a determinate sostanze in esse contenute). In tutti i settori, dalle operazioni di riciclo decadono inevitabilmente “frazioni negative”: materiali non riciclabili, che necessitano di impianti dedicati per la distruzione o trasformazione in energia, e che oggi in molti casi vengono esportati per insufficienza di dette infrastrutture in Italia. I costi elevati della gestione di queste frazioni gravano a tal punto sui costi complessivi di produzione delle materie riciclate, da mettere spesso queste ultime “fuori mercato”, rispetto alle materie vergini. Di questi aspetti non si può non tener conto in un sistema di economia circolare che sia improntato alla sostenibilità ecologica ed economica dell’intero ciclo di vita anche per mezzo della responsabilità estesa del produttore.

Presidente di sessione
Carlo Noto La Diega, ATIA-ISWA Italia

Programma
Valeria Frittelloni - ISPRA
Sergio Cristofanelli - MATTM
Andrea Fluttero - FISE Unircular
Elisabetta Perrotta - FISE Assoambiente
Luca Mariotto - Utilitalia
Walter Facciotto – CONAI
Eni Syndial (TBC)

17.00 Conclusioni