Media room

Questo è il comunicato selezionato.
Per tornare all'elenco dei comunicati clicca qui.

TRA GESTIONE DEI RIFIUTI E TRASFORMAZIONE SMART DELLE CITTA´ CONTINUANO GLI INCONTRI DI ECOMONDO E KEY ENERGY DIGITAL EDITION

Comunicato n. 19 del 16/11/2020 9.28.38 ( download )

.Due incontri in diretta streaming venerdì 13, possibilità di rivedere i convegni on demand. Attiva per i business meeting fino a domenica 15 novembre la piattaforma digitale raggiungibile dai siti ecomondo.com e keyenergy.it

GESTIONE DEI RIFIUTI E SETTORE AGRICOLO DANNO VALORE AL COMPOST
La sinergia tra i gestori del trattamento dei rifiuti e le aziende del settore agricolo è fondamentale per dare valore ad un elemento chiave per l´economia circolare, il Compost, che consente il recupero di elementi utili alla coltivazione e migliora la struttura e la porosità del suolo. Il tema è stato al centro della tavola rotonda ´La valorizzazione del Compost, le iniziative di ACEA e le sinergie sul territorio tra le Utilitity e il settore agroalimentare´ di Ecomondo Digital Edition in collaborazione con ACEA, quarto operatore in Italia nel waste management e primo operatore nazionale nel servizio idrico integrato. Giorgio Custodi, Direzione Operativa ACEA Ambiente, ha presentato le caratteristiche dei quattro impianti del gruppo dedicati al compostaggio: «Ubicati in Toscana, Umbria e Lazio, possono produrre complessivamente dalle 50 alle 60mila tonnellate di Compost l´anno, attività che consente anche di generare energia». Marco Palazzesi, Business Development ACEA Ambiente, ha sottolineato: «Abbiamo raggiunto risultati ragguardevoli grazie a un atteggiamento diverso della cittadinanza ma soprattutto grazie alla ricerca. Dobbiamo far capire a tutti che i rifiuti non sono solo un problema ma anche una risorsa. Per questo i processi per la loro gestione devono essere sostenuti dalle istituzioni». All´incontro presente anche Donato Rotundo, Confagricoltura Nazionale Responsabile Area Ambiente, che ha sottolineato l´importanza di creare una sinergia tra settore industriale e agricolo: «L´agricoltura ha tre sfide: la digitalizzazione, la bioeconomia circolare e l´efficientamento dei processi produttivi per energia, logistica, rinnovabili e gestione acqua e suolo. Ha bisogno dell´impresa. L´azienda agricola, non dimentichiamo, da una parte utilizza la sostanza organica, dall´altra parte la produce». Durante l´incontro il Prof. Sergio Miele del Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali ha illustrato un nuovo prodotto creato grazie alla sinergia con ACEA: due diversi tipi di Compost in forma granulare facilmente insaccabili e distribuibili, privi di odori, adatti a interventi urbani e per il giardinaggio.

LE CITTÀ STANNO CAMBIANDO: UN PROGETTO INSUBRIA ED ENEA SMART ENERGY
Una nuova visione della gestione di edifici e infrastrutture, orientata verso una trasformazione smart e digitale di condomini e aree industriali. È il tema al centro del webinar che si è svolto ieri pomeriggio a Key Energy 2020 Digital Edition, a cura di Energia Media in collaborazione con Utilitalia, Enea e Assoesco. L´incontro ha coinvolto diversi esperti di settore. Tra questi Roberta Pezzetti, Direttore Centro Studi Smarter facente capo all´Università dell´Insubria e Rappresentante Enea Smart Energy, che ha parlato di un progetto che dovrebbe accompagnare i comuni verso un percorso più smart. Al centro dell´iniziativa c´è uno strumento articolato chiamato MUST, acronimo di My Urban Scheleton Tool, che contiene una serie di dati e strumenti in grado di scattare una fotografia di quanto avviene nei centri urbani con numeri e cifre provenienti da punti di vista diversi come quelli, ad esempio, dell´illuminazione, della mobilità, delle emergenze o altro. Grazie a una migliore e più efficiente gestione di questo data set, si punta ad offrire alle amministrazioni locali informazioni puntuali sui servizi ai cittadini. Vincenzo Quintani, Coordinatore Smart Metering Group Anie CSI, ha fatto invece un quadro della situazione delle attività dei player tecnologici, dalle utility fino al patrimonio pubblico. ´Stiamo vivendo un´evoluzione senza precedenti nella digitalizzazione e nella metrologia energetica, al punto da poter modellizzare gran parte delle nostre infrastrutture, laddove il contatore dell´elettricità rappresenta il punto più noto di questo cambiamento´. Simona Ferrari, vicepresidente di AssoEsco, in chiusura ha ricordato che ´l´efficienza energetica è il fattore traino dello sviluppo futuro, un volano che coinvolge diversi soggetti pubblici e il settore privato e che genererà un indotto che contribuirà alla ripresa economica del Paese´.