Programma
  • Giovedì 8 Novembre 2018
  • 09:45 - 14:00
  • Memo
  • Sala Ravezzi 1 Hall Sud

* Il pre-accredito consente, al termine della fiera, di ricevere gli Atti di Maggioli Editore, una raccolta delle relazioni pervenute per i nostri convegni  tramite Call for Papers. Il pre-accredito non garantisce il posto a sedere*

Organizzato da: ISPRA e Comitato Scientifico Tecnico di Ecomondo                  

Il nuovo pacchetto di direttive UE sui rifiuti, che modifica in maniera significativa il preesistente quadro normativo, è fortemente improntato ai principi dell’economia circolare e introduce strumenti atti a sostenere la transizione verso tale modello. Tra le misure individuate per il raggiungimento di questo obiettivo, si segnalano quelle legate alla introduzione di ambiziosi target di preparazione per il riutilizzo e riciclaggio dei rifiuti urbani, di riciclaggio degli imballaggi, nonché la riduzione entro il 2035 della quantità di rifiuti urbani collocati in discarica al 10%, o a una percentuale inferiore, del totale dei rifiuti urbani prodotti. Il pacchetto UE interviene anche sul fronte dei sottoprodotti e dell’end-of-waste, sostanzialmente spostando dalla Commissione europea agli Stati membri il potere/dovere di iniziativa in tali ambiti. La Conferenza si pone come obiettivo una valutazione preliminare delle possibili ricadute del nuovo pacchetto legislativo UE sul sistema italiano (Pubblica Amministrazione, operatori del settore, cittadini, ecc.) in termini sia di opportunità che di criticità.


Presidenti di sessione
Rosanna Laraia, ISPRA
Fabien Porcher, Commissione europea – DG GROW


Programma

9.45 Introduzione dei presidenti di sessione
Le novità del pacchetto rifiuti UE

10.40 Sergio Cristofanelli, MATTM - DG RIN
Lo stato dell’arte sui regolamenti end-of-waste a livello nazionale

10.55 Ermete Realacci, Fondazione Symbola
Esempi concreti di iniziative per l’economia circolare

11.10 Francesco Mundo, ISPRA
Gli indicatori per il monitoraggio dei progressi verso l’economia circolare

11.25 Romano Ruggeri, ARPAS
I controlli sugli impianti che producono materiali end-of-waste: esperienze nell’ambito del progetto IMPEL  "Landfill  and Circular Economy"

11.40 Giuseppe Sgorbati, ARPA Lombardia
Tecniche di sorveglianza e controllo innovative: l’Osservazione Terrestre

11.55  Cristina Govoni, Leonardo Palumbo, Regione Emilia-Romagna
Il primo elenco regionale in materia di sottoprodotti: illustrazione del percorso individuato dalla Regione Emilia-Romagna

12.10 Paola Ficco, Rivista Rifiuti
La recente giurisprudenza in materia di end-of-waste e sottoprodotti

12.25 Maria Letizia Nepi, FISE UNICIRCULAR
Il punto di vista delle imprese dell’economia circolare

12.40 Filippo Brandolini, UTILITALIA
Il contributo delle utilities nella transizione verso l’economia circolare

12.55 Marco Ravazzolo, CONFINDUSTRIA
La sfida dell’economia circolare per l’industria italiana

13.10 Elisabetta Perrotta, FISE ASSOAMBIENTE
Il punto di vista delle imprese che gestiscono servizi ambientali

13.25 Giuseppe Perrone, ENI-Syndial
Le iniziative Eni - l’energia dai rifiuti è una realtà

13.40 Alessandro Bratti, Direttore Generale ISPRA
Conclusioni