Notizie

TrentoToday - L'innovativa realtà trentina è tra le 4 finaliste italiane del contest Chivas Venture: il tessuto, brevettato, è prodotto con gli scarti della lavorazione dell'uva.

 

I tessuti vegetali made in Trentino ottenuti con gli scarti della lavorazione dell'uva alla conquista del premio Chivas Venture da un milione di dollari. La startup trentina Vegea, della quale ci siamo occupati già in passato (clicca qui), è tra le 4 star up finaliste per la selezione italiana di Chivas Venture, il contest internazionale per realtà innovative.

“Con VegeaTextile vogliamo contribuire alla diminuzione dell’impatto ambientale e sociale dell’industria del fashion attraverso l’uso di materiali naturali e rinnovabili.” Spiega Marco Bernardi, R&D Manager di Vegea. La start up ha sviluppato collaborazioni con distillerie sul territorio nazionale e vanta importanti collaborazioni internazionali come, ad esempio, quella con la H&M Foundation e esposto prototipi al Victoria & Albert Museum di Londra e, in collaborazione con il Ministero degli Esteri e il CNR, nell’ambito dell’evento “Italia. La bellezza della conoscenza”.

In Italia, chiaramente, le possibilità per questo tipo di tessuti sarebbero notevoli: con 55,8 milioni di ettolitri di vino (+21% rispetto al 2017), il Bel Paese è il più grande produttore mondiale al mondo. Questo comporta anche la produzione di tonnellate di scarti, comprendenti bucce, semi e raspi, che hanno un potenziale di valorizzazione.

>>Continua