Programma
  • Martedì 7 Novembre 2017
  • 09:30 - 13:30
  • Memo
  • Sala Global Water Expo

a cura di Servizi a Rete e Studio Ingegneria

Il tema della misura sui consumi finali ha ripreso, da qualche anno, una posizione di rilievo nel settore idrico: seguendo quanto avvenuto nell’elettricità e nel gas dove, già da tempo sono stati codificati gli standard, così anche nell’idrico tale esigenza si sta dimostrando come la base per costruire un sistema di programmazione e reporting su cui basare l’efficientamento del sistema distributivo, in ottica 4.0.

Questa sfida investe il settore idrico con una connotazione diversa da quella di altri servizi: infatti nell’idrico il mercato dei players è sostanzialmente stabile, dopo una fase di aggregazioni durata parecchi anni, mentre il trend di sviluppo, come appare dall’ ultimo report offerto dal Blue book 2017, presenta elementi d’incertezza, con risultanze che possono apparire contraddittorie, ma offrire anche elementi di interesse e sviluppo.

Targeted audience: utilities, fornitori di tecnologia, esperti settore, regolatori

 

Presidenti di Sessione

9.30-11.00 1° sessione

Coordina: Francesco Albasser

11.30-13.30 2° sessione

Modera: Francesco Albasser

 

Programma

 

9.30-11.00 1° sessione

 

La voce delle utilities di settore

Mauro D’Ascenzi, Utilitalia

La voce del Pubblico apporta la sua vision sul tema: evoluzione necessaria, scelta tecnologica libera o cogente, drive per raggiungere la efficienza gestionale? La gestione del servizio idrico integrato è, per la grande maggioranza, affidata in Italia ad Aziende Pubbliche che sono qui rappresentate, per esprimere un proprio giudizio

 

Gli sviluppi su smart meter del settore idrico

Esperto normativa (TBC)

Si intende introdurre la tematica della normativa sugli smart meter acqua: un gruppo di lavoro dell’UNI ci sta lavorando. Da questo potrebbero venire i suggerimenti in merito alle scelte tecniche che andrebbero a codificare i futuri standards di settore. A meno che tali scelte siano lasciate al mercato.

 

Tecnologie statiche per lo smart metering

Osvaldo Paleari, Sensus Italia

Come funziona uno Smart Meter Statico: vantaggi attesi e conseguibili. Si tratta di tecnologie innovative che il gruppo, primo nel mondo, ha introdotto anche nel segmento dei contatori domestici, grazie a significativi investimenti nella R&D. Sensus illustrerà il percorso sinora seguito, le applicazioni completate e la scelta di adottare protocolli di comunicazione che rispondono alla logica multiservizio.

 

Un unico sistema per due mondi gas e acqua

Enrico Parodi, WaterTech

La opportunità di avere un sistema integrato per acqua e gas: esperienze e sperimentazioni in atto. La scelta del costruttore, che opera anche nel gas, è stata di adottare i protocolli del settore gas, per offrire una gamma di prodotti modulari in grado di dialogare tra loro.

 

Uno Smart meter per tutti gli standard di rete

Sandro Marcon, Maddalena

Prodotti a turbina e volumetrici e interconnessione per ogni rete – La tecnologia sviluppata sinora consente di adattarsi a vari protocolli con diversi standard di frequenza della rete: è una filosofia che sinora pochi costruttori hanno seguito. Maddalena ci spiega il perché.

 

11.00 Coffe Break

 

 

11.30-13.30 2° sessione

 

Tavola rotonda:

Un confronto sulle attività sinora svolte, sulle motivazioni e le prospettive future degli operatori del settore

 

Esperienze italiane sugli smart meter

Milano: Fabio Marelli, MM SpA - Marcoandrea Muzzatti, CAP Holding

Torino: Salvatore Giampaolo, SMAT Spa (TBC)

Sondrio: Andrea Mariani – Brigitte Pellei, SECAM Spa

 

Work in progress italiane

Marco Milanesi, UniAcque

Roberto Ferrari, SAL Srl - Water Alliance

 

Il punto di vista della finanza

Federica Rita Peruselli / Carolina Marazzini, UniCredit (TBC)

Lorenzo Persi, MM SpA

IMI San Paolo (TBC)

 

L’ Associazione dei costruttori

Roberto Cattaneo - Enrico Parodi, ACISM

 

13.30 Chiusura