Programma
  • Martedì 7 Novembre 2017
  • 14:00 - 18:00
  • Memo
  • Sala Global Water Expo

a cura di Gruppo di Lavoro “Gestione impianti di depurazione” dell’Università di Brescia e Comitato Tecnico Scientifico Ecomondo  

Gli inquinanti di interesse emergente (“Contaminants of emerging concern” (CEC)) nelle acque ad uso umano sono inquinanti per i quali non sono ben noti i rischi per la salute e l’ambiente e, spesso, non esistono nemmeno limiti normativi nelle acque ad uso umano (sostanze perfluoroalchiliche, cianobatteri, organismi patogeni, nuovi sottoprodotti di disinfezione, composti farmaceutici, fitofarmaci, ecc.). Per la maggior parte di tali inquinanti non esistono tecnologie di rimozione consolidate ed affidabili, applicabili negli impianti di potabilizzazione, e l’interesse della ricerca scientifica in questo settore è proprio rivolto alla individuazione di soluzioni di trattamento efficaci e tecnicamente/economicamente gestibili. Il presente convegno si propone di illustrare un quadro aggiornato su questo tema attraverso l’analisi degli aspetti normativi, sia a livello nazionale che internazionale, dei rischi potenziali per la salute e l’ambiente e delle soluzioni consolidate e innovative applicabili per la loro rimozione nei sistemi di potabilizzazione. Ampio spazio verrà dato all’illustrazione di esperienze di ricerca e di gestione dei sistemi di trattamento, selezionate anche mediante “call for paper”.

Targeted Audience: aziende di servizi idrici, professionisti, organi di controllo, ricercatori, studenti e tutti coloro che sono interessati sul tema dell’acqua potabile

 

Presidente di Sessione

Carlo Collivignarelli, Università degli Studi di Brescia, Dipartimento di Ingegneria Civile, Architettura Territorio e Ambiente, Brescia

 

Programma

Introduzione

Carlo Collivignarelli, Università degli Studi di Brescia, Dipartimento di Ingegneria Civile, Architettura Territorio e Ambiente, Brescia

 

I parte: Aspetti normativi e sanitari

 

Contaminazione delle acque naturali: problemi critici e nuove sfide

Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (TBC)

 

Inquinanti emergenti nelle acque potabili: aspetti normativi, rischi per la salute e per l’ambiente

Emanuele Ferretti, Istituto Superiore di Sanità

 

Watch list delle acque potabili

Sara Bogialli, Università di Padova

 

Inquinanti emergenti nelle acque potabili e effetti sulla salute

Raffaella Butera, Toxicon, Università di Pavia

 

II parte: Strategie e misure di controllo per i rischi per la salute umana dei contaminanti emergenti nell'acqua potabile

 

Patogeni emergenti e nuove frontiere per la disinfezione dell'acqua potabile

Paola Verlicchi, Università di Ferrara

 

Nuovi sottoprodotti di disinfezione in acqua potabile: problemi principali e strategie per il loro controllo

Silvia Fiore, Università di Brescia

 

Misure di controllo di ciano batteri e ciano tossine nell’acqua potabile

Sabrina Sorlini, Università di Brescia

 

Sviluppo del piano di sicurezza dell'acqua per il sistema di approvvigionamento idrico di Mortara

Maria Cristina Collivignarelli e Alessandro Abbà, Università di Pavia

 

17.30-18.00 SESSIONE POSTER CON BREVI PRESENTAZIONI ORALI

 

Risk management experiences associated with emerging pollutants in water for human use

WCME1-1 Inquinanti emergenti: determinazione e trattamento

Davide Chiuch, Gruppo CAP Milano

 

WCME1-2 A spatial data Infrastructure for EDCs surveillance on riverin basins

Domenico Vito, DEIB Politecnico di Milano

 

WCME1-3 Indagini PFAS: Proposta di quadro di indagine basato su esperienze dirette

Stefano Marconetto, Golder Associates Canada, Ottawa

 

WCME1-4 Groundwater PFAS contamination in the Vicenza area. Effects on the industrial water cycle management at a local establishment –AECOM Corporate expertise

Fabrizio Bonfanti, AECOM URS ITALIA

 

WCME1-5 Garda lake water sensitive planning

Erich Roberto Trevisiol, UNIFI -Scuola di Architettura-DIDA

 

WCME1-6 L’applicazione della Water Footprint nel settore siderurgico in Sicilia

Ernesto Cocomero, Università di Catania

 

Discussione e conclusioni