Online Ticket
Notizie

La Stampa - La qualità si sta degradando e la potabilizzazione è un costo. Servono investimenti infrastrutturali e piani di accumulo


Di acqua sul pianeta ce n’è tanta e salata, ma il problema sta nella piccola frazione di quella dolce che possiamo utilizzare per usi civili, agricoli, industriali e ricreativi: meno dell’uno per cento. 

Fortunatamente non si consuma, è costantemente rinnovata dal ciclo dell’evaporazione e delle precipitazioni, ma è la sua qualità che si sta sempre più degradando: usiamo acqua pura e la restituiamo sporca. Una parte dell’inquinamento è biodegradabile ma vi sono migliaia di composti chimici di sintesi, tossici e persistenti, che da meno di cent’anni hanno iniziato a impestare tanto i ghiacciai polari quanto le falde profonde. Le “chiare fresche et dolci acque” che Petrarca cantava nel 1340 sono ormai rare, e tocca spendere sempre maggior impegno, tecnologia ed energia per potabilizzare e depurare l’acqua che fluisce nelle nostre case.
Tutto questo porrebbe già una sfida di mantenimento, se non ci fosse pure il cambiamento climatico a sparigliare le carte: con l’aumento di temperatura atteso nei prossimi decenni, anche a parità di precipitazioni, l’evaporazione cresce e così pure i consumi d’acqua.  >>continua

Torna alle altre notizie

Resta sempre aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter