Notizie

La Stampa - Con un costo dell’elettricità più che doppio rispetto al resto degli Usa e con un elevato potenziale di sole, vento, biomassa e geotermia – le Hawaii sono state da sempre considerate un contesto perfetto per l’impiego su larga scala delle fonti rinnovabili



Con un costo dell’elettricità più che doppio rispetto al resto degli Usa e con un elevato potenziale di sole, vento, biomassa e geotermia – le Hawaii sono state da sempre considerate un contesto perfetto per l’impiego su larga scala delle fonti rinnovabili. Del resto, i primi kWh vennero generati proprio da una centralina idroelettrica realizzata nel 1888. Una scelta effettuata dopo che Thomas Edison aveva mostrato nella sua casa di New York le prime lampade ad incandescenza al re Kalakaua (sì, le Hawaii erano allora un regno autonomo che fu eliminato nel 1893 con un colpo di stato organizzato da uomini d’affari statunitensi, ma questa è un’altra storia…). >>continua

Torna alle altre notizie